Toscana: la prima regione in italia ad approvare un percorso terapeutico di medicina integrata in oncologia

La dott.ssa Ferreri esperta Omeopata e Referente Scientifico del Centro per la Medicina Integrata nei percorsi ospedalieri dell’ASLSUDEST Toscana – Pitigliano, al 6° convegno di Oncologia e Medicina Integrata terrà  una  relazione del titolo: “Il dolore e l’infiammazione in oncologia nell’esperienza del Centro di Medicina Integrata di Pitigliano”.

Sarà presente nella stessa giornata anche la dottoressa  Annalia Giallombardo, oncologa presso l’ Ospedale  di Poggibonsi dell’ alta Val D’Elsa  che porterà l’ esperienza di Medicina Integrata nella gestione del dolore oncologico presso l’ospedale di Poggibonsi.

La Toscana è la prima regione in Italia ad approvare un percorso  terapeutico di medicina integrata in Oncologia. Qualsiasi malato di tumore può essere trattato, oltre che con le terapie standard, anche con le terapie complementari  seguendo indicazioni  condivise da tutti i centri oncologici e all’interno del sistema sanitario regionale.

Oggi la Toscana conta venti centri di oncologia integrata e più di cento ambulatori di medicina integrata dove omeopatia, fitoterapia e agopuntura sono affiancati alle terapie oncologiche convenzionali per alleviare i possibili effetti collaterali delle terapie antitumorali e per migliorare la qualità della vita dei malati. Sullo stesso  sito della Regione è riportato: “L’integrazione di queste terapie nei protocolli oncologici all’interno del Servizio sanitario pubblico, oltre ad aiutare a ridurre alcuni sintomi della malattia e/o gli effetti collaterali dei trattamenti antitumorali, rappresenta una importante forma di garanzia poiché evita che la persona malata si affidi a figure non qualificate o al “fai da te”.

Categorie