MCS, malattia genetica o epigenetica? - 360 Gradi Eventi
15396
post-template-default,single,single-post,postid-15396,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_advanced_footer_responsive_1000,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

MCS, malattia genetica o epigenetica?

Le ultime scoperte scientifiche  evidenziano che la MCS (Sentibilità Chimica Multipla) è causata da una sinergia fra alterazioni genetiche ed esposizione ad una moltitudine di xenobiotici tossici presenti nell’ambiente, alcuni dei quali sarebbero in grado di alterare i geni stessi i quali diventano così più suscettibili anche solo a piccole quantità di un qualsiasi agente chimico tossico.

Secondo il Prof. Genovesi, Scienziato e Mentore che ha dedicato la vita alla MCS  prematuramente scomparso nel gennaio scorso  e al quale vogliamo dedicare il 1° Convegno internazionale sulla MCS a Modena,   esiste una predisposizione genetica alla nascita per questa malattia invalidante, ma è anche vero che la predisposizione genetica  non si esprime quasi mai come malattia senza una concausa, in questo caso quella dell’ esposizione all’inquinamento ambientale.  Inoltre a volte accade che  l’inquinamento ambientale sia tale da provocare  un’alterazione genetica nuova che non era presente alla nascita. L’esposizione a sostanze tossiche crea infatti un legame con pezzi di DNA, producendo enzimi malfunzionanti.

Anche se si ha una predisposizione genetica, probabilmente questa non si manifesterebbe  mai come MCS se si vivesse in un ambiente salubre in mezzo alla natura incontaminata. Viviamo invece purtroppo  in un ambiente inquinato ed esposti quotidianamente a una miriade di sostanze tossiche.

A partire dall’aria che respiriamo, all’inquinamento elettromagnetico, ma soprattutto  al cibo che mangiamo:  esposti a pesticidi,  conservanti e coloranti,  cibi troppo industrializzati e raffinati a scapito di nutrienti, sali minerali e vitamine e con sovra dosaggio di  determinate proteine, come il glutine che nel grano antico era contenuto solo nel 10-20%, mentre nel grano moderno, irradiato con raggi gamma per far sì che la pasta non scuocia, la percentuale di glutine è salita fino al 50%!

Per maggiori informazioni: http://www.sensibilitachimicamultipla.com

Per richiesta di accrediti stampa, inviare una mail a: ufficiostampa@360gradieventi.info Specificando testata, nr. tesserino professionale, oppure compilando il modulo per la richiesta qui: http://www.sensibilitachimicamultipla.com/area-stampa.html

Claudia Boni – Ufficio Stampa 360GradiEventi

No Comments

Post A Comment