Malati immaginari o malattia reale? La discussa questione della MCS, fibromialgia, elettrosensibilità e simili - 360 Gradi Eventi
15402
post-template-default,single,single-post,postid-15402,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_advanced_footer_responsive_1000,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Malati immaginari o malattia reale? La discussa questione della MCS, fibromialgia, elettrosensibilità e simili

Oltre a soffrire di  malattie altamente invalidanti, e ad incontrare un’ostilità e un’indifferenza diffuse, questi malati in Italia si sono visti negare per decenni il riconoscimento e le cure urgenti di cui necessitano .

Le cosiddette malattie ambientali non sono ancora riconosciute dal sistema sanitario nazionale italiano,  il riconoscimento è avvenuto solo in alcune regioni  con una disparità di trattamento in base quindi alla regione di residenza . Al contrario, questa patologia  all’estero ( USA, Canada, Australia, Austria, Germania) gode di un riconoscimento a livello mondiale anche dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Poiché alcuni sintomi dell’MCS sono sintomi psichici, in quanto le sostanze tossiche influiscono anche sul cervello provocando, ad esempio, depressione o un disturbo ossessivo-compulsivo, i pazienti sono molto spesso scambiati per malati psichici. Vengono curati con antidolorifici, antinfiammatori o peggio con antidepressivi, ma i dolori rimangono,  i sintomi non migliorano anzi , vengono acuiti dai farmaci che vanno ad aggiungersi agli altri carichi tossici a cui il paziente è già sottoposto complicando ulteriormente il suo stato di salute.

Non dimentichiamo  che l’MCS è una malattia molto “scomoda” per tutta  l’industria: chimica, meccanica, alimentare, cosmetica e farmaceutica… Questi ammalati, visibilmente danneggiati dal contatto con gli inquinanti presenti nell’aria e nei prodotti d’uso quotidiano, rappresentano una forte denuncia che dovrebbe spingere il settore dell’industria  ad un drastico cambio di rotta  con l’eliminazione dei prodotti chimici dannosi, per impedire, come avvertono i ricercatori della patologia, il probabile moltiplicarsi futuro dei casi.

Il 24 Novembre 2018 a Modena presso l’Aula Magna del Policlinico si alterneranno sul palco del 1° Congresso internazionale sulla MCS  i maggiori  esperti nazionali  ed internazionali proprio per identificare sempre più coerenti marcatori di malattia MCS, tali da concedere un riconoscimento di invalidità a quanti ne risultano affetti in modo grave, e tracciare nuove ipotesi di cura.

Per maggiori informazioni: http://www.sensibilitachimicamultipla.com

Per richiesta di accrediti stampa, inviare una mail a: ufficiostampa@360gradieventi.info Specificando testata, nr. tesserino professionale, oppure compilando il modulo per la richiesta qui: http://www.sensibilitachimicamultipla.com/area-stampa.html

Claudia Boni – Ufficio Stampa 360GradiEventi

No Comments

Post A Comment