Le Estetiste alleate di medici, cosmetologi e farmacisti nel trattamento dei pazienti oncologici al 1°Congresso nazionale di Oncoestetica a Modena - 360 Gradi Eventi
15431
post-template-default,single,single-post,postid-15431,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_advanced_footer_responsive_1000,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

Le Estetiste alleate di medici, cosmetologi e farmacisti nel trattamento dei pazienti oncologici al 1°Congresso nazionale di Oncoestetica a Modena

Grande partecipazione ieri (28/10/2018) al 1° Congresso nazionale di Estetica in Oncologia che si è tenuto presso la sala Leonelli della Camera di Commercio di Modena, organizzato da “360GradiEventi”, “Network secondo parere” e “Medico cura te stesso”.

Moltissimi sono stati gli interventi e le domande in uno scambio/confronto continuo tra i relatori e una platea molto partecipe e attenta. Le tante testimonianze  di medici malati  che si sono volutamente alternate durante la giornata nell’ottica del circuito “Medico cura te stesso”, uno dei  network a cui è ispirato il congresso, ha reso poi l’ atmosfera ancora più calda e informale.

Come trattare la pelle delle pazienti in trattamento oncologico? Che smalti usare? Come aiutare la ricrescita dei capelli? Come e quali filtri solari consigliare? Quali prodotti sono più sicuri quindi da preferire rispetto ad altri? E poi ancora: Come utilizzare pigmenti e tatuaggi? Quali turbanti e/o parrucche consigliare? Cos’è la cosmesi domiciliare? Qual è il confine tra la libertà di proposta dei trattamenti estetici e la necessità di avere l’approvazione del medico specialista?

Queste e tante altre domande al centro dell’incontro tenutosi a Modena. Tra gli spunti di riflessione evidenziati, la principale necessità sentita sia dalle estetiste  che dai medici e dai formatori del settore è sicuramente stata quella di fare rete tra le diverse professionalità per aggirare ostacoli burocratici, evitare sconfinamenti di professionalità, nell’ intento di fare fronte comune nel superamento della malattia, mettendo sempre la qualità di vita del paziente al primo posto.

Espositori selezionati hanno poi contribuito a fornire ulteriori stimoli e riflessioni anche fuori sala con stand di manualistica, reggiseni post-operatori e copricapi, dispositivi per la depurazione dell’acqua, preparati anti-aging, creme, depurativi e drenanti sotto forma di tisane naturali e altro ancora.

Un circuito virtuoso di scambi e contatti tra settori diversi per la prima volta uniti da un obiettivo comune: migliorare la qualità della vita per tutti,  ma in particolare per i pazienti oncologici.

 

Ufficio Stampa

360GradiEventi

Claudia Boni

No Comments

Post A Comment