La pandemia del terzo millennio: la sindrome metabolica. - 360 Gradi Eventi
1321
post-template-default,single,single-post,postid-1321,single-format-standard,cookies-not-set,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-title-hidden,qode_grid_1300,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-16.8,qode-theme-bridge,disabled_footer_bottom,qode_advanced_footer_responsive_1000,qode_header_in_grid,wpb-js-composer js-comp-ver-5.5.2,vc_responsive

La pandemia del terzo millennio: la sindrome metabolica.

La sindrome metabolica (la cosiddetta malattia del benessere), è una condizione che merita oggi particolari attenzioni per via della sua gravità e diffusione, si stima che interessi quasi la metà degli adulti al di sopra dei 50-60 anni. Un’incidenza molto allarmante se si considera anche che le persone che soffrono di sindrome metabolica spesso non presentano sintomi e affermano, perlopiù, di “sentirsi bene”. Con il termine “sindrome metabolica”, si intende un insieme di fattori di rischio legati a condizioni che aumentano la possibilità di sviluppare patologie come diabete e problemi  cardiovascolari, legati a obesità, pressione, colesterolo e trigliceridi alti.

Il dott. Domenico Battaglia, al Convegno Cibo Salute Felicità parlerà di come possiamo approcciarci al diabete mellito e alla sindrome  metabolica  in modo più fisiologico e naturale, partendo dall’ alimentazione. Il dott.  Battaglia è  un chirurgo, che dopo una serie di criticità ha riflettuto ed ha rinunciato al suo posto fisso in ospedale per perseguire quello in cui lui credeva, e seguire davvero le persone.

Nonostante  lui prediliga la scelta vegana e crudista, critica anche fermamente ogni scelta  alimentare se come succede spesso oggi  queste sono portate avanti solo  come una moda. Sostiene sì, che Il cibo crudo, poco lavorato, poco raffinato, sia il cibo per eccellenza, ma sostiene anche che non bisogna diventare crudisti dall’oggi al domani. Afferma  che sia comunque fondamentale inserire alcuni alimenti a crudo, il che non significa che debbano essere necessariamente freddi,  poichè si considerano crudi anche i cibi lavorati fino a 42 gradi e sostiene pure come in determinate situazioni sia meglio iniziare con i cibi cotti . “Il dogma non va bene, ma serve una scelta fatta con buonsenso e consapevolezza!” 

Entro il 15 Giugno sconto del 50% sul biglietto d’entrata: acquista ora

Claudia Boni – Ufficio Stampa 360GradiEventi

No Comments

Post A Comment