E’ importante saper scegliere e consigliare i funghi medicinali secondo rigore scientifico

Quanto è importante per la tua professione essere sempre aggiornato e informato? I corsi di aggiornamento di medicina istituzionale non trattano quasi mai argomenti relativi alla medicina naturale e complementare mentre  oggi, sempre più pazienti decidono di rivolgersi alle medicine complementari o di abbinarle alle cure allopatiche.
Approfitta di questo importante appuntamento per in-formarti su questo nuovo argomento.

E’ importante saper scegliere e consigliare i funghi medicinali secondo il rigore scientifico, considerando che anche nella Micoterapia ci sono alcune controindicazioni e/o possibili effetti avversi riscontrati in particolar modo con l’utilizzo di: Inonotus obliquus, Agaricus subrufescens, Auricularia auricula judae, Lentinula edodes e Coprinus comatus.
Infatti, è stato evidenziato che sia l’Agaricus che lo Shiitake possono ridurre l’espressione del Citocromo P450 1A prolungando la durata e/o l’intensità di terapie farmacologiche in atto dando origine a possibili effetti collaterali e/o reazioni avverse. Inoltre con lo shiitake sono presenti in letteratura più di 50 case report clinici riportanti reazioni avverse (in seguito all’utilizzo di shiitake polvere e/o grezzo e poco cotto) caratterizzate da dermatite flagellata e/o vesciche boccali probabilmente indotte dalla presenza di lentinano in pazienti predisposti piuttosto che da una possibile fotosensibilizzazione o da una possibile interazione con due classi di farmaci: gli ACE-inibitori e i diuretici.
Per quanto riguarda il Chaga (Inonotus obliquus), a dimostrazione di quanto sia importante il tipo di estratto impiegato, si sottolineano due diverse possibili interazioni. Con l’estratto acquoso infatti vista la significativa presenza di ossalati e un caso di nefropatia, è da sconsigliare in pazienti con insufficienza renale e nefrolitiasi diversamente invece l’estratto etanolico è da sconsigliare se il paziente sta assumendo farmaci antiaggreganti piastrinici e/o ipoglicemizzanti per possibili effetti additivi.
Anche per questi motivi, si ricorda che per poter esplicare la loro azione in modo ottimale, è preferibile l’utilizzo di integratori alimentari a base di estratti (per lo più acquosi, ma in alcuni casi anche alcolici – anche la Medicina Tradizionale Cinese utilizza i decotti –estrazione acquosa-) rispetto al “totum” e senza l’utilizzo della vitamina C.

ISCRIVITI AL CONVEGNO DEL 30 SETTEMBRE A  BOLOGNA

Bibliografia:

Kikuchi Y, et al. Clin Nephrol. 2014 Jun;81(6):440-4.
Hashimoto T, et al. Biosci Biotechnol Biochem. 2002 Jul;66(7):1610-4.
Lang N, et al. J Dtsch Dermatol Ges. 2016 Mar;14(3):303-4.
Mendonça CN, et al. An Bras Dermatol. 2015;90(2):276-8.
Fischer B, et al. J Allergy Clin Immunol. 1999 Oct;104(4 Pt 1):836-41
Chatterjee S, et al. Environ Sci Pollut Res Int. 2017 Aug;24(24):19480-19493.
Coy C, et al. Int J Med Mushrooms. 2015;17(8):713-22.
de Mattos-Shipley KM, et al. Stud Mycol. 2016 Sep;85:125-157.
Duan L, et al. J Evid Based Complementary Altern Med. 2017 Oct;22(4):667-674.
Feeney MJ, et al. Mushrooms and Health Summit Proceedings. J Nutr. 2014 Jul; 144(7): 1128S–1136S.
Chen and Seviour. Mycol Res 2007; 635-652.
Nguyen et al. Int J Dermatol. 2017 Jun;56(6):610-616;
Santos et al. J Allergy Clin Immunol Pract. 2018 Mar – Apr;6(2):647-648

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *